WebMail

19 Agosto 2019 - 18:42

home articoli cultura giornali contattaci guestbook links ultimissime
Google
Bruno Russo- [ EVENTI ] VOLA E VA ( da "Il ROMA" del 26/02/2011 pag. 11 )
VOLA E VA’ CON GAETANO CERRITO Gaetano Cerrito è il guidatore di una macchina speciale, che corre sulle strade a percorrenza limitata che conducono a...
[ EVENTI ] QUANDO LA POESIA E’INCONTRO DI CULTURA E SOLIDARIETA’ ( da "Il ROMA" DEL 12/01/2011 pag. 12 ).
Cosa c’entra la poesia e le nuvole, con un condimento particolare come l’aglio? Ce l’ha spiegato il poeta italo-argentino Carlos Sanchez, condividendo...
Bruno Russo- [ EVENTI ] I MIEI PRIMI 40 ANNI ( da "il ROMA" del 12/01/2011 pag. 23 )
Napoli sta cambiando, almeno in questo: sta presentando una cultura del ritrovo giovanile, che considerati i coprifuochi di varie zone della collina ...
24/02/2006 CULTURA  
Bruno Russo- LE STAGIONI DEL CUORE ( da 'Libero' del 24/02/06 pag. 17 )
Le stagioni del cuore non sono poi differenti dalle stagioni che conosciamo
e quando si sogna che questo freddo termini, viene di pensare alla frase '
l'amore trasforma l'inverno in primavera'. Infatti quando si va verso la
resurrezione del Signore, ovvero verso la Pasqua, si sente tutto il mondo
attorno a noi che ci torna a sorridere e si riempie di arcobaleni che portano un maggior ottimismo verso la vita stessa. Sentire un amore dentro in questa fase dell'anno, vuol dire che è vinta la morte del cuore, vuol dire che l'anima può saltare alla luce, il rischio non è più un rischio, il sacrificio non è più privazione, l'invecchiamento non è più una catastrofe e la vita non è più una triste prigione. Ho conosciuto varie persone che mi hanno detto: 'anche se tu non sei riuscito a portare avanti un matrimonio sei lo stesso fortunato perchè hai amato, hai fatto una famiglia, hai avuto dei figli e sei nonostante le delusioni ancora pronto ad amare, mentre ci sono persone che non hanno mai amato': in effetti queste persone le ho conosciute, pensano che ciò sia avvenuto perchè sono talmente sensibili che per loro è un impegno troppo serio, da prendere una sola volta nella vita, forse per paura o perchè non hanno ancora incontrato la persona giusta. Io credo invece che noi tutti cerchiamo Dio anche quando tentiamo un'altra chance, ma solo quando il nostro cuore sarà posseduto dal Suo amore, allora sarà pronto ad aprirsi anche all'amore del prossimo. Nel nostro cammino infatti, incontriamo tante persone che hanno bisogno di noi e noi non sempre siamo pronti a donare loro il nostro tempo per amore, come succede anche con la nostra donna: donando il nostro tempo doniamo la nostra vita. Chi ci dice che l'amore eterno non esiste commette un errore perchè l'uomo ha in sè il senso dell'eterno, che niente e nessuno può distruggere, perchè proviene direttamente da Dio e quindi può essere solo soffocato dalle dottrine materialistiche, che nel farci vedere le cose con un inizio ed una fine, ci portano solo ad una immensa tristezza. L'uomo viene ingannato proprio così, quando gli si insegna che la sua esistenza si svolge e finisce questo pianeta e che la sua vera felicità dipende poi esclusivamente da ciò che egli riesce ad avere, ad accumulare in vita. Così egli pensa che ogni esperienza appartenga ad un periodo limitato e finisce per edificare tutto a tempo determinato. Ma la verità e che il tempo reale è indeterminato e il Paradiso esiste, si ha solo vergogna di parlare della sua esistenza perchè sembra ridicolo ed ingenuo. L'assenza del Paradiso è conclamare che esiste un paradiso terrestre e non uno celeste: basta vedere che quando una persona è triste non guarda più in alto come nel lontano passato, ma guarda in terra e l'immagine dell'uomo più sfortunato diventa quella dell'omino con la gobba, sempre ricurvo su se stesso perchè la sofferenza gli ha fatto abbassare troppe volte lo sguardo dalle cose belle, dal Paradiso stesso, che è in alto. Guarda in terra un pò per vergogna ed un pò perchè crede di trovare là quello che ha perso. Io non so dove si trova il Paradiso ma so che quando sento felice, mi sento un estraneo in questa terra, un essere diverso che riesce a vedere il mondo senza timore, dall'alto senza guardare in basso, sentendo quella brezza frizzante nel cielo di una mattina di Febbraio, pensando ad un'altra Primavera che sta per arrivare nel mio cuore, soprattutto perchè continuerò a pensare che ciò non è mai vano, perchè la delicatezza dei veri sentimenti non è differente da questo risveglio.

Bruno Russo

Fonte: Bruno Russo
 

Torna alle news della categoria "CULTURA"
Torna alla pagina delle news

Sito Online di Euweb