WebMail

19 Agosto 2019 - 19:33

home articoli cultura giornali contattaci guestbook links ultimissime
Google
Bruno Russo- [ EVENTI ] VOLA E VA ( da "Il ROMA" del 26/02/2011 pag. 11 )
VOLA E VA’ CON GAETANO CERRITO Gaetano Cerrito è il guidatore di una macchina speciale, che corre sulle strade a percorrenza limitata che conducono a...
[ EVENTI ] QUANDO LA POESIA E’INCONTRO DI CULTURA E SOLIDARIETA’ ( da "Il ROMA" DEL 12/01/2011 pag. 12 ).
Cosa c’entra la poesia e le nuvole, con un condimento particolare come l’aglio? Ce l’ha spiegato il poeta italo-argentino Carlos Sanchez, condividendo...
Bruno Russo- [ EVENTI ] I MIEI PRIMI 40 ANNI ( da "il ROMA" del 12/01/2011 pag. 23 )
Napoli sta cambiando, almeno in questo: sta presentando una cultura del ritrovo giovanile, che considerati i coprifuochi di varie zone della collina ...
23/02/2006 CULTURA  
Bruno Russo- VOTATE NO AL TRADIMENTO ( da 'Libero' del 23/02/06 pag. 17 )
Tra certezze e sbagli, esiste una strada assai stretta in un rapporto tra un uomo ed una donna, che si chiama tradimento. E' stretta perchè si vive in uno spazio indifeso che si restringe intorno alla nostra esistenza e non ci permette di vedere oltre o di desiderare altro, perchè è in atto un sogno proibito che proprio per questo fornisce quelle sensazioni alle quali è più facile dire di si che di no. Immaginare questo un difetto quando si vive in una speranza che si nutre e non muore non è facile, è più facile vedere in un quiete vivere domestico con il proprio coniuge una realtà che non si alimenta più da niente e si spegne sempre di più, come una candela sulla quale soffia un vento anonimo. Rinascere sotto le stelle con un amore folle, spesso significa chiudere i dubbi in un ripostiglio e buttare la chiave; quindi ci si siede ad un tavolo da gioco dove i soldi sono sostituiti dai ricordi: con una bottiglia di gin per non pensare, si inizia a giocarsi la propria esistenza per un enorme capriccio. In uno scenario incantevole di palme secolari, come può essere il lungomare di Cannes, si consumano poi gli ultimi di spiccioli prima di tornare sulla terra. Ma tornati alla base si scoprirà che non ne valeva poi tanto la pena, se si possiede un grande dono che si chiama coscienza: un organo che molti vorrebbero trapiantare con un altro ma che ci permette di essere più
uomini, di ricomporre le nostre azioni e di portarle in trionfo sul carro della correttezza umana. Chi non ha tradito scagli la prima pietra, si potrebbe dire, ma esiste anche qualche alieno che il tradimento l'ha vissuto sulla propria pelle e lo conosce più per averlo subito che per averlo perpetrato ed ora siede al tavolo delle attese, ad aspettare che la vita sia generosa proprio per ricompensarlo di quanto ha subito, ed invece no! La vita non è un ufficio esattoriale o una banca dove ogni giorno possiamo andare a fare il nostro bravo saldo: la vita è un sogno a tempo, un gioco con le carte atipico, dove più sentimenti sei disposto a cedere è più ne guadagni, dove il rischio aumenta solo la possibilità di vincere e non quella di perdere, dove alla fine, se ti ritrovi senza una fische vuol dire che hai amato veramente, indipendentemente da quanto sei stato ricambiato. Non c'è disordine in un cuore che viene lasciato per un altro, c'è solo la coscienza che l'amore non ammette tradimenti, perchè l'attimo di eterno non può essere un ricordo, se fa soffrire chi ci ha dato la sua vita attraverso il suo amore. Se molte persone scoprono il tedio arrampicato ad ogni drappo della propria vita domestica, che impedisce di sentire per la moglie l'anelito di libertà che sentiva quando con lei correva sulla spiaggia e sognava, vuol dire che la vita ha calpestato talmente tanto i loro sentimenti e la loro sensibilità da impedire di amare secondo natura. Basta scavare intorno ad ogni tradimento per trovare quanto veleno la vita ci ha prima somministrato e poi ha cercato di
nascondere, con la nostra complicità visto che non sappiamo arrenderci
facilmente e forse questo è anche giusto. Votate no al tradimento, perchè ci sono molte ragioni per tradire e molti vantaggi a farlo, ma l'unica che poi conta veramente, quella di mantenere il nostro calco nella melma di una esistenza tormentata, viene fornita solo quando si resta con la croce in mano ad affrontare l'attacco del nemico.

Bruno Russo

Fonte: Bruno Russo
 

Torna alle news della categoria "CULTURA"
Torna alla pagina delle news

Sito Online di Euweb