WebMail

18 Luglio 2019 - 11:25

home articoli cultura giornali contattaci guestbook links ultimissime
Google
Bruno Russo- [ EVENTI ] VOLA E VA ( da "Il ROMA" del 26/02/2011 pag. 11 )
VOLA E VA’ CON GAETANO CERRITO Gaetano Cerrito è il guidatore di una macchina speciale, che corre sulle strade a percorrenza limitata che conducono a...
[ EVENTI ] QUANDO LA POESIA E’INCONTRO DI CULTURA E SOLIDARIETA’ ( da "Il ROMA" DEL 12/01/2011 pag. 12 ).
Cosa c’entra la poesia e le nuvole, con un condimento particolare come l’aglio? Ce l’ha spiegato il poeta italo-argentino Carlos Sanchez, condividendo...
Bruno Russo- [ EVENTI ] I MIEI PRIMI 40 ANNI ( da "il ROMA" del 12/01/2011 pag. 23 )
Napoli sta cambiando, almeno in questo: sta presentando una cultura del ritrovo giovanile, che considerati i coprifuochi di varie zone della collina ...
15/04/2013 ARTICOLI.  
Achille della Ragione- [ CULTURA ] CERVELLI IN FUGA.
Tra i napoletani da ricordare, a fronte dei 100 anni del professor Alessandro Cutolo, Marina Faiella, con i suoi 28 anni, è certamente la più giovane con un grande futuro davanti.
Napoletana verace, con il cognome in comune con il celebre Peppino Di Capri, nata in una famiglia di chimici, sin da bambina amava curiosare tra gli strumenti di laboratorio: il suo destino era segnato.
Ha avuto la fortuna di essere allieva, a Napoli, del Professor Pavone, uno scienziato che si sveglia alle 4 del mattino per studiare e lavorare. Un anno e mezzo fa, si è decisa a spiccare il volo per l’estero, dapprima verso l’Olanda alla facoltà di tecnologia di Delft, quindi come ricercatrice presso l’Arizona State University.
La materia cui si dedica Marina è la possibilità di ottenere energia pulita dai batteri in quantità illimitata e per le sue ricerche quest’anno, la prima volta per un’italiana, è stata premiata con il “For Women in Science” assegnato dall’Unesco, un riconoscimento che spesso prelude al Nobel, come è capitato alla statunitense Blackburn ed all’israeliana Yonath, vincitrici nel 2009 per la medicina e la chimica.
L’idea alla base degli studi di Marina potrebbe cambiare il mondo.
La sua ricerca mira a realizzare carburanti ed energia elettrica senza emissioni di anidride carbonica, replicando in laboratorio la capacità di alcuni batteri di produrre idrogeno dall’acqua, attraverso alcune proteine, chiamate “idrogenasi”.
Attualmente, noi otteniamo idrogeno dal metano sprecando energia, a differenza di alcuni batteri che, per attivare il loro metabolismo, producono l’idrogeno come prodotto di scarto.
Pochi etti di uno di queste minuscole forme di vita potrebbero far camminare un razzo per un paio d’ore.
Bisogna studiare la complessa struttura di queste straordinarie molecole, carpirne il segreto e riprodurlo da sostanze semplici.
Se il progetto di Marina avrà successo, potremo ottenere energia dall’acqua e dal sole e finalmente quell’economia dell’idrogeno, finora rimasta una chimera, potrà decollare con imprevedibili benefici per l’umanità.
Grazie alla vicinanza del fidanzato, anche lui ricercatore, che la segue nei suoi spostamenti (che non saranno pochi), Marina sopporta la nostalgia della sua casa di Napoli, da dove vedeva il Vesuvio ed il mare mentre ora deve accontentarsi della piscina del condominio e di un cielo sempre nuvoloso.
Fino a quando non riuscirà a dirigere un gruppo tutto suo, all’incirca intorno ai 40 anni, sarà costretta a cambiare continente ogni 2-3 anni.
Per il resto è una ragazza come le altre: gioca a tennis e canta come soprano nel coro dell’Università.
Brava Marina ed appuntamento per il Nobel.

Achille della Ragione

Fonte: Achille della Ragione
 

Torna alle news della categoria "ARTICOLI."
Torna alla pagina delle news

Sito Online di Euweb